Agenzie di ratings: chi sono?

Standard & Poor’s, Moody’s e Fitch Ratings sono le agenzie di rating più autorevoli e conosciute al mondo.

Ma chi sono veramente queste “agenzie” che possono scatenare crisi finanziarie e rovinare l’economia di uno Stato?

moody-standard-poor-fitch.jpg

Iniziamo a capire cos’è il “rating”! Il rating è una classificazione del rischio creditizio legato a un titolo obbligazionario o a un’impresa. Viene assegnato attraverso un voto espresso con una o più lettere.

La tripla A (AAA) indica la massima sicurezza del capitale, A+ indica un rating medio-alto, BBB+ un rating medio-basso, B+ indica un investimento altamente speculativo, D un investimento in perdita.

In base al ratings il mercato stabilisce un premio per il rischio da richiedere per accettare quel determinato investimento. Scendendo nel rating aumenta il premio per il rischio richiesto e quindi l’emittente del titolo dovrà promettere una remunerazione più elevata (maggiore spread rispetto al tasso risk-free).

Quando Moody’s nei giorni scorsi ha abbassato il ratings di uno Stato importante come la Grecia da A2 ad A3 e comunica che potrebbe ribassarlo ulteriomente innesca una grave crisi per questo Stato perchè afferma in sostanza che le obbligazioni emesse dalla Grecia hanno un rischio più elevato di prima che il capitale investito possa NON essere più rimborsato!

A questo punto gli investitori disinvestiranno dai titoli statali della Grecia e per la Grecia avere soldi in prestito per finanziare l’economia dello Stato diventa molto più oneroso, innescando un “pericoloso vortice” che rischia di mandare in bancarotta lo Stato.

Analogamente, quando ieri Moody’s ha affermato che c’è un “rischio Italia” i nostri titoli hanno perso valore con il rischio di espandere la crisi anche all’Italia.

Capirete quindi quanto sia importante che queste agenzie usino la massima cautela prima di rendere pubbliche le loro dichiarazioni!

La preoccupazione sale pensando che Moody’s è l’agenzia che in passato aveva dichiarato che “Lehman Brother merita 10 e lode” quando poi questa azienda è stata invece protagonista dello scandalo finanziario più grande del secolo!

Queste “agenzie” hanno poi un incredibile conflitto di interesse nell’assegnare le loro valutazioni in quanto contemporaneamente svolgono l’attività di banca di investimenti e pertanto potrebbero utilizzare il rating in modo strumentale nell’interesse della banca, ovvero dei clienti per attività speculative sui mercati borsistici o per acquisire asset di valore a prezzi di realizzo!

… e a questo punto termino il mio articolo con un’altra domanda: “Ma chi fa il rating delle agenzie di rating?” 🙂

  

Agenzie di ratings: chi sono?ultima modifica: 2010-05-07T15:10:33+00:00da matteodifelice
Reposta per primo quest’articolo

5 pensieri su “Agenzie di ratings: chi sono?

  1. pietro

    grazie per questa possibilità.
    fin dall’ultima crisi economica mondiale, e cioè dal 2008, mi domandavo, come queste agenzie di ratings, non si sono accorte di nulla quanto succedeva nel loro paese ( stati uniti d’america ), riguardo l’economia, quando da un giorno all’altro, l’economia mondiale, è andata a gambe all’aria, a causa loro? girano in lungo e in largo per il mondo a dare voti e formare pagelle più o meno sufficienti o insufficienti, poi come visto a casa loro gli è sfuggito tutto di mano? non sapevano, oppure sapevano e non dicevano niente? come si fà ad avere fiducia in queste agenzie? e come dicevate voi chi fa il rating a queste agenzie?
    cordiali saluti pietro olmo

  2. Francesco

    E’ quello che mi sono chiesto questa mattina ascoltando la notizia al telegiornale. Ormai soldi non si fanno più investendo nelle imprese e nel lavoro. Il mondo si è evoluto si è globalizzato.
    Mi piacerebbe avere le seguenti risposte:
    Chi sono i clienti di queste aziende di rating?
    Quanti soldi gestiscono per ogni cliente?
    Queste aziende di rating hanno filiali nei cosidetti paradisi fiscali?
    Possono operare per clienti che hanno conti nei paradisi fiscali?
    Quanto guadagnano i clienti affidando i propri soldi alla aziende di rating?
    Quanti di questi guadagna va in tasse?
    Si può ipotizzare che una banca con il titolo quotato in borsa possa rivolgersi alle aziende di rating per speculare sul proprio titolo e alla fine guadagnarci? Spesso infatti si assiste a tracolli in borsa del 4/7% per poi essere recuperati dopo un paio di giorni.
    Si può ipotizzare che anche i partiti politici possano affidare i propri fondi alle aziende di rating per ottenere guadagni per finanziare la politica?
    I petrolieri oppure i paesi produttori di petrolio a chi affidano i loro soldi?
    Perchè il debito dell’italia è così grande?
    Perchè anzichè spendere milioni di euro per registrare centomila intercettazioni telefoniche non si spende qualche soldo per formare un corpo speciale della Finanza che opera nel settore bancario e si cerca di intercettare possibili conflitti di interesse e danni al Paese? (la risposta a questa domanda è ovvia. La classe politica non può chiedere di indagare su se stessa)
    Alla fine penso:
    che la classe politica pensa a spendere il più non posso facendo arricchire chi li è vicino;
    che la classe politica spendendo a destra e manca cercando di accontare tutti si assicura i voti per la prossima elezione;
    il debito dello stato aumenta;
    l’agenzia di rating declassano il paese sprecone;
    la classe polica che ha i soldi investiti guadagna dalle speculazioni e si intasca i soldi in chi sa quale paradiso fiscale;
    la classe politica considerata la “grave situazione” ci impone nuove tasse e ci riduce le pensione attuali e future.
    Alla fine abbiamo:
    poche persone sempre più ricche
    banche più ricche
    molti più poveri cristi ovvero lavoratori dipendenti con uno stipendio di 1200 al mese, nell’potesi che nel frattempo non hanno perso il lavoro, che si riduce a 900 euro.
    Evviva

  3. anna

    bisogna fermare i cinesi in Italia non farli più comprare attività comerciali ecc, poi staccarci dall’ europa esseri indipendenti avere il coraggio di staccare la spina, noi produciamo dalla A alla Z. DETTO IN PAROLE POVERE. Pulire l’ITALIA RITORNARE COME 20 , COME CI SI STAVA BENE. anna ps… gli indiani non daneggiano , ma i cinesi sono pericolosi

Lascia un commento